Contatta napoli.com con skype

Recensioni
Non conosci Papicha, di Mounia Meddour
di Giovanna D'Arbitrio

Vincitore di due Csar,Non conosci Papicha, il film desordio diMounia Meddoursul cosiddettodecennio nerodellAlgeria, un film in parte autobiografico che ha il sapore della vita, poich la regista non ha paura di raccontare ci che accadde in quegli anni.







Il film narra in effetti la storia diNedjma, una studentessa di 18 anni che ama la moda e sogna di diventare una stilista. Vivace e desiderosa di una vita normale, esce di nascosto di sera con la sua amicaWassila, rifiutando ogni divieto che possa ostacolare la sua libert e indipendenza: malgrado critiche, maldicenze e fondamentalismi di ogni genere, non si arrende e sceglie di lottare organizzando una sfilata di moda con laiuto delle sue amiche, a rischio della vita.







In unintervista la regista ha affermato: Papicha un racconto autobiografico. Sono cresciuta in Algeria, dove ho vissuto fino alla maggiore et, e quando studiavo per la laurea triennale vivevo alluniversit come le ragazze che si vedono nel film. Quindi ci sono molti elementi reali che vengono dalla mia esperienza, come la solidariet tra ragazze, la dolcezza della vita e le storie damore. Dallaltro lato, per, cerano anche tutte le difficolt della situazione politica in Algeria, quandonegli anni 90ci fu una crescita del livello di radicalismo che poi avrebbe portato alla Guerra civile algerina e alDecennio nero.Morirono 150 mila persone, e molte restarono traumatizzate dagli eventi. Alle donne era vietato andare a lavorare e alluniversit, e laria intimidatoria era palpabile.



Ai miei occhi il film riguarda proprio lemancipazione di Nedjma, che pi o meno rappresenta limmagine di ogni donna. Lei continua a lavorare e a vivere la propria vita nonostante tutti i pericoli. La sfilata di moda era importante. Era vitale parlare di moda perch ha un lato maschile e uno femminile che si riflettono nella societ, composta da uomini che dominano lo spazio pubblico e da donne che restano pidietro la scena. Volevo una gamma complessa di personaggi. Nedjma emancipata, ma anche fragile e forte, cosa che la rende interessante. Lei proviene da una famiglia di classe operaia, e luniversit un luogo di libert lontano da casa. La sua amica Kahina sogna di andare in Canada, mentre Wassila pi sentimentale e Samira religiosa. Quando si presenta, la violenza arriva sempre in maniera molto scioccante. Era questo il suo intento? Per quanto riguarda la violenza sempre uno shock, ma per me era importante essere realistica e non distogliere lo sguardo.







Il davvero un inno alle donne, a coraggio, amicizia, creativit femminile: Magistrale linterpretazione diLina Koudrial suo terzo film. Notevole il cast, composto daShirine Boutella, Amira Hilda Douaouda, Yasin Houicha, Zahra Manel Doumandji, Marwan Zeghbib, Aida Ghechoud, Nadia Kaci.







Ecco il trailer seguito da unintervista alla regista:https://www.youtube.com/watch?v=bDFhpT6Pwfc













13/9/2020
RICERCA ARTICOLI